stampa
mail
pdf

11/7/2013

L’Assemblea di De Agostini S.p.A. approva il Bilancio al 31 dicembre 2012

I RICAVI SALGONO DELL’1% A 5,1 MILIARDI DI EURO

L’EBITDA SALE DEL 4% A 1,17 MILIARDI DI EURO

RISULTATO NETTO CONSOLIDATO IN FORTE CRESCITA

Novara, 11 luglio 2013. L’Assemblea degli Azionisti di De Agostini S.p.A., riunitasi sotto la presidenza di Marco Drago, ha approvato il Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2012 e ha preso visione del Bilancio Consolidato alla stessa data, predisposto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS.

In sintesi:

  • Ricavi Netti pari a 5.097 milioni di Euro (vs. 5.070 milioni nel 2011);
  • Margine Operativo Lordo (EBITDA) a 1.168 milioni di Euro (vs. 1.124 milioni nel 2011);
  • Risultato Operativo “ricorrente”, cioè prima delle componenti non ordinarie, a 624 milioni di Euro (vs. 556 milioni nel 2011);
  • Risultato Netto Consolidato a +142 milioni di Euro (vs. +86 milioni nel 2011).

In un anno ancora critico per l’economia e i mercati finanziari, con particolare riferimento all’Italia, il Gruppo ha sostanzialmente confermato il proprio volume di ricavi ad oltre 5 miliardi di Euro ed ha ulteriormente migliorato il margine di EBITDA, con un contributo determinante di GTech (ex Lottomatica).
Tale andamento si riflette pienamente anche sul Risultato Operativo “ricorrente”, cioè prima delle componenti non ordinarie, che cresce di circa 70 milioni di Euro, ovvero del 12%.

Il Risultato Netto Consolidato, pur ancora penalizzato da impairment e altri oneri non ricorrenti complessivamente pari a 167 milioni di Euro, cresce a 142 milioni, (86 milioni nel 2011).
Gli oneri non ricorrenti derivano principalmente da impairment (121 milioni di Euro), derivanti per circa due terzi dal settore Media&Communication e per la parte restante da investimenti finanziari.

Al netto degli interessi delle minoranze, il Risultato netto di Gruppo è pari a 32 milioni di Euro, rispetto a 2 milioni nel 2011.

La Posizione Finanziaria Netta del Gruppo al 31 dicembre 2012 risulta negativa per 4.124 milioni di Euro, in miglioramento di 172 milioni rispetto a fine 2011. La variazione è legata al miglioramento della posizione finanziaria netta di Gtech, parzialmente ridotto dagli investimenti fatti nel settore Finanza e dalla Holding.

La Posizione Finanziaria Netta del “Sistema Holding” è pari a -642 milioni di Euro, rispetto a -615 milioni a fine 2011; l’indebitamento risulterebbe in miglioramento di 116 milioni di Euro a parità di perimetro.

“Per il nostro Gruppo, il 2012 può essere considerato come un anno complessivamente positivo.
Sul piano dei risultati economico-finanziari abbiamo rispettato, e in alcuni casi superato, gli obiettivi che ci eravamo dati per l’anno. Inoltre, abbiamo completato il progetto di riorganizzazione della struttura societaria del Gruppo, che, assieme ai patti parasociali, contribuirà a mantenere unità di intenti e coesione tra gli Azionisti.
Siamo stati in grado di conseguire questi risultati nonostante il difficile contesto di riferimento, caratterizzato da eventi “esogeni”, spesso critici, che hanno contraddistinto l’andamento del quadro macro-economico e dei mercati finanziari”
, ha dichiarato Marco Drago, Presidente di De Agostini S.p.A.

La Capogruppo De Agostini S.p.A. ha chiuso l’Esercizio 2012 con un utile pari a 15,8 milioni di Euro, rispetto a un utile di 16,8 milioni registrato nel 2011. Su proposta del Consiglio di Amministrazione, l’Assemblea ha deliberato di distribuire integralmente l’utile come dividendo, nonché, aggiuntivamente, anche 19,2 milioni di Euro attinti dalla riserva straordinaria.

* * *

In dettaglio l’andamento per settore di attività.

Attività Editoriali
Nel 2012 il contesto di riferimento per le attività Editoriali è rimasto critico, particolarmente sul mercato italiano, sia per l’attività Partworks sia per l’area Libri. In parallelo, il Gruppo ha continuato a perseguire la strategia di ricerca di nuovi sbocchi nei mercati a maggior potenziale di sviluppo ed in business in ampliamento, come quello dei canali televisivi tematici (Digital De Agostini).
Il processo di semplificazione del portafoglio è proseguito con la cessione di UTET Grandi Opere e del CEF - Centre Européen de Formation (Francia).
I ricavi complessivi sono scesi del 3,8% a 1.252 milioni di Euro, nonostante la progressione del 2% circa dell’attività Direct Marketing. L’EBITDA, pur nelle difficili condizioni di mercato e grazie alle iniziative di contenimento dei costi, ha visto un miglioramento da 33 milioni di Euro nel 2011 a 47 milioni nel 2012.

Attività Media & Communication
I Ricavi Netti relativi alle Attività Media & Communication sono risultati pari a 683 milioni di Euro, con un calo del 7,7% rispetto al 2011; ciò si è riflesso anche sull’andamento dell’EBITDA, sceso da 96 a 63 milioni di Euro.
Il calo dei ricavi è riconducibile sia a Zodiak Media, che, pur registrando ricavi superiori a 500 milioni di Euro, ha risentito della riduzione generalizzata dei budget dei broadcaster televisivi, sia ad Antena 3 (oggi Atresmedia, consolidata proporzionalmente al 22% circa), che ha risentito di un’ulteriore forte discesa del mercato pubblicitario spagnolo. Positiva per Atresmedia la fusione con la Sexta, che ha portato la market share dei ricavi dal 30,5% del 2011 al 35,2% del 2012.

Attività Giochi e Servizi
I ricavi di GTech (ex Lottomatica Group) si sono attestati a 3.076 milioni di Euro, con un incremento del 3,4% rispetto al 2011, mentre l’EBITDA è salito del 6,4% a 1.032 milioni di Euro.
La crescita è dovuta principalmente alle positive performance delle Lotterie internazionali, in particolare in USA, e di Spielo (vendita terminali e servizi correlati); i ricavi di Lottomatica Italia hanno invece evidenziato una moderata riduzione, legata alle lotterie e alle scommesse sportive.
Al 31 dicembre 2012 la Posizione Finanziaria Netta Consolidata di GTech è risultata pari a un indebitamento di 2.523 milioni di Euro, in significativa diminuzione rispetto a 2.726 milioni al 31 dicembre 2011, grazie alla consistente generazione di cassa dell’esercizio.

Attività Finanziarie
DeA Capital
nel 2012 ha proseguito la politica di valorizzazione del portafoglio investimenti esistente e di sviluppo dell’attività di asset management. La partecipazione in IDeA FIMIT SGR è salita al 64,3%, mentre il portafoglio di attività nell’alternative asset management è stato semplificato con la cessione di alcune partecipazioni minori.
Il Net Asset Value per azione al 31 dicembre 2012 era pari a 2,63 Euro, in progresso rispetto a 2,38 Euro a fine 2011, soprattutto per effetto della positiva performance borsistica delle azioni Migros.
La posizione finanziaria netta è passata da -102,5 milioni di Euro a -123,6 milioni, essenzialmente per effetto degli investimenti nei fondi di private equity gestiti da IDeA Capital Funds SGR e del buyback che ha raggiunto 32 milioni di azioni, ovvero il 10,5% del capitale.

Con riferimento alla partecipazione in Assicurazioni Generali, la Compagnia ha riportato un risultato operativo in crescita, ma un risultato netto in calo rispetto al 2011, a causa degli impairment effettuati dalla Compagnia su alcuni asset in portafoglio, derivanti dall’andamento dei mercati e dall’allineamento dei criteri di valutazione alle best practice internazionali.
Il titolo ha riportato una performance largamente positiva (+18%) e migliore dell’indice Euro Stoxx, anche grazie alla ridefinizione della strategia aziendale.

Lorenzo Pellicioli, Amministratore Delegato di De Agostini S.p.A., ha dichiarato: “L’anno in corso presenta ancora una volta un contesto caratterizzato, in particolare in Europa, da elevata instabilità e debolezza dei consumi.
Il Gruppo in tutte le sue componenti è quindi impegnato a rafforzare la propria posizione competitiva, ad espandersi sui mercati che ormai, nel nuovo scenario mondiale, stanno trainando lo sviluppo economico, ed a semplificare il portafoglio di attività, mantenendosi selettivo nelle scelte di investimento.
In questo quadro, gli obiettivi per il 2013 sono quelli di consolidamento dei risultati industriali complessivi, di mantenimento di una struttura finanziaria equilibrata e di perseguimento dell’ eccellenza competitiva in tutti i nostri settori di attività“
.

* * *

Successivamente all’Assemblea di De Agostini S.p.A. si è tenuta l’Assemblea degli Azionisti della Controllante New B&D Holding di Marco Drago e C. S.a.p.A. (successivamente rinominata B&D Holding di Marco Drago e C. S.a.p.A), che ha approvato il Bilancio d’Esercizio 2012, chiuso in sostanziale pareggio. Sulla base della proposta del Consiglio degli Accomandatari, l’Assemblea ha deliberato di destinare a dividendo 6,6 milioni di Euro, mediante parziale distribuzione della riserva sovrapprezzo azioni.

 

Per ulteriori informazioni:
Elena Dalle Rive - Ufficio Stampa De Agostini S.p.A .
T + 39 02 62499592 F + 39 02 62499553 Cell. 335 7835912
e-mail: elena.dallerive@deagostini.it

 

De Agostini
De Agostini è un Gruppo internazionale a capitale familiare, organizzato in forma di conglomerata finanziaria, attiva in diversificati settori industriali (publishing, gaming, media & communication) e in quello finanziario.
De Agostini Editore opera in 30 Paesi, principalmente nei segmenti del Collezionabile e delle Vendite per Corrispondenza.
GTech è una società leader nel mercato internazionale dei giochi e delle lotterie, oltre che dei servizi e delle tecnologie ad essi collegate.
De Agostini Communications è attiva nel settore della produzione di contenuti per i media attraverso la controllata Zodiak Media, che opera in 20 Paesi principalmente europei, e nel “broadcasting” attraverso Atresmedia (Spagna), controllata congiuntamente con il socio spagnolo Planeta.
DeA Capital è attiva nel settore degli “alternative investments”, sia con investimenti diretti e indiretti di private equity, sia con partecipazioni di controllo in piattaforme di alternative asset management.
Il Gruppo De Agostini detiene anche una partecipazione complessiva del 2,43% in Assicurazioni Generali.

Scarica il file